mercoledì 22 dicembre 2010

Bah...

Oggi ho venduto, nel giro di un'ora 3 PSP, nulla di strano, se non che, 2 fossero per bambine di 8 anni.
Ma come si fa a regalare ad una bambina la psp?! ci giocherà dieci giorni, probabilmente col mondo di Patty o Hanna Montana e poi non la guarderà più. Perchè la tipologia dei giochi esistenti non è il massimo per il pubblico femminile o cmq, non per una bambina, ovvio che ci sono eccezioni, però, so già che da febbraio-marzo, cominceranno a tornarmi psp usate come piovessero.
Che palle...
Pure io ho la mia cara psp limited edition di FF Crisis Core, ma onestamente, ho giocato solo ai Silent Hill e a LocoRoco, e comunque, non ho 8 anni e i videogiochi sono un mio hobby, oltre che un lavoro.
E' una bella console, ma adatta ad un pubblico più adulto e particolare, diciamo, adatta al giocatore che oltre che a casa vuol giocare anche in giro, ma è già un pò grandino.
Poi, bambini di 6-7 anni che vogliono la psp go... ma non esiste. Se proprio la vogliono, comprategli quella normale, una bella psp3004, o meglio ancora il Nintendo ds, che per quel'età è un pò più adatto.
Detesto il Natale! E in particolare lavorare in un negozio a Natale!

5 commenti:

Anonimo ha detto...

ma come ti capisco!! :D

auguri gioia!

+S+

Marylain ha detto...

Ciao, visito ora il tuo blog e vorrei commentare questo articolo.
Non sono molto d'accordo con quanto stai dicendo.
Personalmente ho iniziato a videogiocare MOLTO prima di 8 anni.
Ne avevo 6 quando i miei mi comprarono il Nintendo e dopo pochi mesi già giocavo ai primi due Zelda.
Sono passata molto rapidamente allo SNES (l'anno successivo), costò un occhio della testa, ma lo consumai: quando avevo 8 anni come quella bambina, già mi avventuravo nei dungeon di Zelda: a Link to the Past e mi avventuravo assieme a due miei amici nel mondo di Secret of Mana.
Sempre a quell'età avevo anche il primo Game Boy, anche quello utilizzatissimo.
Ho sempre giocato a Jrpg ed è grazie a loro se ho imparato presto la lingua inglese.
Chi ti dice che quelle bambine giocheranno a titoli come Hanna Montana?
Che ne sai che non abbiano rispetto per la console?
Personalmente tutte le console che ho posseduto, anche in età molto infantile funzionano tutt'ora e non hanno un graffio.
Cerca di non essere così pregiudizievole: è vero che ci sono molti bambini viziati, ma ve ne sono altrettanti che, anche all'età di 8 anni, sono perfettamente in grado di usare una PSP Go e giocare a titoli anche molto complessi.
Esiste già una buona letteratura in sostegno di questa tesi... basta solo guardarsi attorno.

Salutoni,

* Marylain *

Yokoso ha detto...

Infatti, ho detto che ci sono eccezioni.
Ma purtroppo, la realtà che vivo io, lavorando nel commercio è questa, per il 90% dei casi.
Tu sei una giocatrice, e parli, giustamente come tale.
In più, stai parlando di Nintendo, e il discorso cambia parecchio,in particolare per una certa fascia di età, basta confrontare le 2 piattaforme portatili.
Se avessi una figlio di 4-5 anni, e non ne capissi una cippa di videogiochi,non mi rifiuterei di acquistargli una cosole, ma mi documenterei su quello che le varie piattaforme hanno da offrire in base a quello che mi chiede mio figlio, e magari, all'inizio ci giocherei insieme per superare le difficoltà ed evitare che l'abbandoni, e che compri a 8 anni qualcosa tipo Bioshock che non è adattissimo all'età.
Il problema, che voglio evidenziare, è che la maggior parte dei genitori, se ne frega, il figlio vuole una cosa e la si compra. Acquistano cose, che non sanno come funzionano e non leggono le istruzioni, già ieri ho avuto a che fare con 2 clienti che, lasciati i figli da soli a giocare, hanno rotto i giochi della psp perchè li hanno smontati, convinti che protezione del disco fosse da togliere, bastava seguirli un'attimo e leggere le istruzioni, ma no, perchè?!
Per quel che mi riguarda, anch'io ho cominciato a giocare col commodore16 a 5 anni e ancora a distanza di anni gioco ed ho quasi tutte le console uscite nel nostro paese, tutte ancora funzionanti.
Ma i miei genitori mi han sempre detto, se vuoi qualcosa devi comprarlo da te o contribuire, di conseguenza ho imparato ad avere rispetto per le cose e ad utilizzare ciò che compro.
Quando vengono in negozio coppie, in cui "lei", sbuffa e continua a dire al suo lui di muoversi, che giocare fa schifo, che è infantile ecc... normalmente cerco di farle capire che il videogioco può essere un piacevole passatempo e che tutto va visto con la giusta prospettiva, qualcuna l'ho anche convinta a giocare a qualcosa, seguendola nell'acquisto, e alla fine si è divertita.
Io sono contro l'ignoranza dell'acquisto!

Marylain ha detto...

Capisco le tue posizioni, ma ci terrei a specificare un paio di cose:
1) A suo tempo andai sulla Nintendo sia perché non c'erano molte alternative come oggi, sia perché ero innatamente innamorata dei Jrpg e sul Megadrive non c'era una mazza di nulla.
2) I miei non hanno mai giocato con me, ma mai hanno denigrato ciò che facevo. Ero io che sapevo cosa comprare - iniziai molto presto ad acquistare riviste specializzate e questo sempre alle elementari! - e quando compravo il gioco ci giocavo.
I miei, semplicemente, apprezzavano il mio interesse e non mi hanno mai fatto mancare nulla.
Sono sufficientemente matura da essere consapevole di essere stata tremendamente viziata da bambina, ma tutto ciò che mi veniva regalato veniva apprezzato, gustato ed usato.
Non ho mai rotto nulla, né buttato da una parte oggetti donatomi.

Se fossi vissuta oggi ti dico che mi avrebbero comprato tranquillamente la PSP all'età di 6-7 anni, la Xbox 360, la PS3 e quant'altro - infondo ho avuto tutte le console da piccola e da ragazzina (ora sono diventate occasione per doni di Natale e di compleanno combinati dati i costi elevati... i giochi me li compro per conto mio dall'Inghilterra XD).

Stavo parlando per me e per quel poco che ho notato militando, per tirocini formativi, delle scuole primarie.
Ammetto che ci sono bambini molto... sgradevoli, ma ve ne sono altri che ho molto apprezzato per il loro senso di responsabilità.
Ed è solo verso di loro che ho fiducia.
Sono certa che qualche piccolo riesce davvero ad apprezzare le potenzialità di una console next gen. ^^

Marylain

Yokoso ha detto...

Riciao, come già detto prima, ci sono eccezioni, anch'io ho clienti molto giovani, tra cui anche ragazzine, svegli, che sanno quello che vogliono e s'indirizzano da soli verso una certa tipologia di giochi.
Purtroppo, ve ne sono molti, la maggioranza, che vedono la cosa in tv e la vogliono, il che, a parer mio, non è sempre apprezzabile.
Considera che i jrpg sono una categoria di giochi molto valida con dietro un notevole studio di psicologico, che può anche aiutare nella formazione e nella crescita in particolare se ci si comincia a giocare in età infantile. Ci sono anche libri sull'argomento.
Altri generi, come gli fps (sparatutto in soggettiva), sono molto utili per il colpo d'occhio, la visione periferica e i riflessi, ma sarebbero da sconsigliare a bimbi piccoli, se troppo realistici tipo Cod.
Ora, però, ripetto ad anni fa, il mercato videoludico è in notevole e veloce espansione, e per accaparrarsi più pubblico crea prodotti discutibili sapendo che,tanto, se passa in tv verrà comprato, e prodotti adatti ad un pubblico, palesemente adulto, o maschile. Mentre il pubblico femminile lo attirano, in giovane età, con giochi tratti da quello che vende, tipo Patty e le Winx, e in età più avanzata con il move sony, e con il kinect Microsoft.
Anni fa, il pegi non era necessario, ora, se pur, va valutato con le pinze, un'occhio ci andrebbe buttato, visto la vastità di titoli esistenti e la clientela sempre più vasta.
Se un bambino mi chiede giochi come Zelda, Final Fantasy, MagnaCarta, Valkyrie Profile, Mario, Art Academy, Disgaea, Stella Deus ecc... cmq, gdr, platform, qualche punta-e-clicca, son contentissima. Ma quando ti chiedono, Cod, Gta, Bioshock, Assassin Creed (questo in realtà preoccupa già meno), e hanno meno di 10 anni, mi spiace, cosa impareranno? che educazione può dare ad un bambino, ammazzare il prossimo, facendogli esplodera la testa con un fucile a canne mozze, o stirare i passanti perchè è divertente? fare il pusher e essere favorevole alla prostituzione.
La rockstar, in particolare, in America ha ricevuto diverse denunce, un ragazzo è tutt'ora in carcere perchè immedisimandosi troppo in un gta ha ammazzato 2 poliziotti, dichiarando che l'aveva visto in nel videogioco e che ora aveva passato la missione che non riusciva a fare, e ai tempi era minorenne.
Ovviamente è un caso isolato ed estremo.
Io spero che le bimbe che hanno chiesto per Natale la psp, perchè volevano il mondo di patty, imparino ad apprezzare anche altri giochi, ma già, ho avuto le prime delusioni con chi mi ha chiesto come poterla dar via e con ragazzine, che si lamentavano che non trovavano giochi, addirittura, genitori che mi han chiesto perchè gliel'ho venduta visto che la bambina ha terminato il gioco e non trova altro di suo gradimento.
Tristezza.
Non ne posso più...
Credimi, mi pacerebbe trovare un'altro lavoro e ricominaciare ad apprezzare sia il videogioco sia il genere umano come prima.
Se vuoi continuare a commentare o a seguire il blog, son contenta, a me piace parecchio il botta e risposta quando è interessante e ha delle valide fondamenta ^__^